Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on PinterestShare on Google+Share on Tumblr

Le Cannibale presenta

LONE
LIVE

24  gennaio 2015
Tunnel Club, Milano

Reality Testing, lo spettacolo audiovisivo di Lone,
dal vivo sul palco di Le Cannibale

unnamed (2)

Conosciuto dalla sua famiglia e dai suoi amici come Matt Cutler, Lone ha iniziato la sua carriera di produttore ancora nella sua cameretta di Nottignham, sperimentando per anni con Hip Hop, Hardcore dei primi anni ’90, techno ed elettronica prima di riuscire a pubblicare nel 2008 per l’etichetta locale Dealmaker la sua lussureggiante opera di debutto “Lemuria”, acclamata dalla critica di tutte le aree dell’industria musicale.

Rapidamente seguita da un remix su Warp records per Bibio e un accordo con l’etichetta londinese Werk Discs di Actress, ha lanciato l’album successivo “Ecstasy & Friends “, che fonde una gamma infinita di stili tra cui 80 funk, hip hop anni ’90 e quelle nebulose melodie che sono il suo trademark, ispirate dai suoi eroi di sempre, i Boards Of Canada.

Nel 2010 Lone cambia suono, concentrandosi su una molto più pesante Chicago house/Techno e rave londinese dei primi anni ‘90 pur riuscendo a rimanere fedele al suo stile melodico nostalgico.Il singolo ” Pineapple Crush” dell’estate del 2010 è stata la prima dimostrazione della ritrovata storia d’amore di Cutler con la Detroit techno e la classic rave, ma con il mini-album Emerald Fantasy Tracks, sempre del 2010, mette in mostra vibrazioni in levare, caldi synth, momenti di energia sfrenata e luminosa, un entusiasmo che è allo stesso tempo ingenuo e consapevole di sé. Nel 2012 esce “Galaxy Garden” su R&S Records: ritmiche veloci e intelligenti, synth dissonanti, escursioni melodiche sono la prova della raggiunta maturità artistica di Matt.

Sabato 24 gennaio per la prima volta a Milano, Lone si esibirà in uno spettacolo live, portando sul palco di Le Cannibale “Reality Testing”, uscito ancora per R&S Records: un lavoro che coinvolge e arricchisce già dal primo ascolto. La sua natura ibrida mescola Detroit techno con l’hip-hop dei bei tempi, dando vita a un disco fra i migliori del 2014 appena passato.

 

Altri post assolutamente da leggere: