L’intervista al dj e producer Manuel Ro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on PinterestShare on Google+Share on Tumblr
Attualmente le sue uscite discografiche sono su DNC RECORDS e PRESSLAB ELECTRO, due label importanti nel panorama house/techno, e proprio grazie alle ultime produzioni che lo hanno proiettato al Katerholzig di Berlino e al TDS di Ibiza. La sua continua ricerca di sonorità particolari, lo portano ad un livello musicale talmente unico, cosi da far parte dei dj piu’ importanti d’Europa. Noi di Staycool lo abbiamo incontrato al ritorno dalla sua estate ricca di impegni. Intervista a cura di Barbara Cialdi. 1. Quale aspetto ti piace di più del tuo lavoro? E cosa detesti? Partendo dal presupposto che amo il mio lavoro, l’ aspetto che mi piace meno è l’ avvento della tecnologia che ha fortemente facilitato qualunque persona ad esibirsi in un dj set e a fare produzioni musicali senza essere veri dj ne veri musicisti a fianco a tutto questo organizzatori e pr incompetenti. La cosa che amo di più è trasmettere le mie emozioni al pubblico tramite un dj set, e quando sono in studio a produrre amo creare e sperimentare nuovi suoni campionando la mia voce trasformandola in bassi o groove. 2. Tutti vogliono fare i DJ negli ultimi anni ci sono stati very e propri boom. Cosa ne pensi? TEMA SCOTTANTE…. per essere un dj nel vero senso della parola secondo me occorre prima di tutto amare la musica, esperienza nel settore, cosiddetta “gavetta” saper capire il pubblico che hai davanti in ogni dj set , due piatti un mixer e tanti vinili……Fare il DJ è diventata una moda, con un computer adesso lo possono fare tutti "perché come ho già detto molte volte l'arte del dj è andata a morire grazie all'avvento del web, grazie ai manager incompetenti che pur di guadagnare soldi creano dj super star quando in realtà sono scarsi in tutto e per tutto.. perché organizzatori di eventi incompetenti danno la possibilità di esibirsi a ragazzi che pensano di essere dj senza avere nessuna cultura musicale, senza sapere che genere di musica passano e senza sapere neanche com'è fatto un vinile.. Perché purtroppo nessuno fa più niente per pura passione ma solamente per denaro. 1377481_10151678665914716_688916351_n 3. C’è un luogo che ti è rimasto nel cuore? I luoghi in cui ho suonato che più mi sono rimasti nel cuore sono tantissimi ma in particolare modo Berlino, al Katerholzig, club dove mi sono esibito davanti a migliaia di persone, cultori della musica elettronica regalandomi emozioni e soddisfazioni uniche. Avendo avuto una stagione estiva molto ricca di impegni e serate tra Italia e Ibiza , quest’inverno suonerò all party itinerante Patchwork con basi nei migliori club di Firenze, oltre alle mie date che si espanderanno in tutta Italia tra Milano Bologna, Abruzzo e Ibiza. A breve termine darò vita ad un party itinerante SHOW CASE della mia etichetta discografica DNC LIMITED in tutta Europa. 4. Come ti vedi tra 20 anni? Hai un sogno nel cassetto? Tra venti anni mi vedo sicuramente molto soddisfatto del mio percorso lavorativo nel mondo della notte, e con un figlio a cui trasmetterò la mia passione. http://www.residentadvisor.net/dj/manuelro http://www.manuelro.com http://twitter.com/ManuelRoDJ http://www.beatport.com/artist/manuel-ro http://soundcloud.com/manuel-ro www.residentadvisor.net SUSPENDIDO, l'ultimo lavoro, disponibile su I-Tunes.

Altri post assolutamente da leggere: