Let’s Go #Genderless: lui come lei, lei come lui

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on PinterestShare on Google+Share on Tumblr

A cura di Federica Camesasca.

Se la stagione fredda porta con sé giornate grigie e buie, gli stilisti rispondono con proposte per non passare inosservate. Ecco allora comparire bluse e capispalla come quadri ispirati al futurismo di Marinetti o ai motivi ipnotici di Kandinsky.

Ma al grido di “vestiti usciamo!” nei nostri armadi la scelta cade più spesso su capi confortevoli e rilassanti, magari nei toni basici del bianco, del nero e del beige come fossero tele su cui costruire il nostro look quotidiano.
genderless_2
Ed è proprio di questa semplicità che si nutre il genderless o Agender – letteralmente “senza genere” – quell’idea di stile non certamente nuova, ma tornata prepotentemente in auge in questo autunno/inverno 2015-2016 che mixa capi femminili e maschili valorizzando la personalità prima del corpo.

genderlessMolte le maestre di stile che nelle diverse decadi hanno affascinato con il loro look Agender: da Marlene Dietrich nel suo smoking nero a Katharine Hepburn che con il suo stile androgino rivoluzionò un’epoca. Ultime solo in linea di tempo ci sono Madonna in smoking nero alla 56esima edizione dei Grammy Awards, Angelina Jolie, Diane KeatonAlexa Chung e Kristen Stewart.

Pionieri di questo stile rubato in parte al guardaroba maschile furono certamente YSL, che lanciò negli anni ’60 lo smoking da donna e Giorgio Armani che rivisitò la giacca maschile per la donna. Ma anche marchi come Comme des Garçons e Yohji Yamamoto hanno fatto la tradizione dell’unisex.

Fate attenzione, però, perché sbagliare è facilissimo se non si seguono i preziosi consigli degli esperti!

Affidiamoci allora agli stilisti che lo hanno riproposto a gran voce sulle passerelle di questo autunno/inverno o alle it-girl che lo sfoggiano ormai da tempo

  • Regola sempre vincente è aprire il guardaroba di lui e darvi al “saccheggio”, a patto di aggiungere qualcosa di iper femminile come una camicia bon ton o una maglia con collo vittoriano.
  • Via a mocassini e scarpe basse da uomo, abbinati anche a gonne e abiti eleganti.
  • Il cardigan nero portatelo a pelle infilato nel pantalone largo spigato e la vita segnata da una cintura
  • Lo stile genderless è perfetto da mattina a sera, basta solo cambiare gli accessori, che di giorno saranno sobri per lasciare spazio a luccichii quando cala il sole
  • E per la sera? Sì allo smoking magari con niente sotto la giacca proprio come le star

Altri post assolutamente da leggere: