Il nuovo singolo di Immanuel Casto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on PinterestShare on Google+Share on Tumblr
A cura di Eleonora Tricarico.  Come ogni giorno, mi ritrovo a curiosare nel web. Presa dall’ispirazione, inizio a scrivere un articolo per questa settimana, ma cambio idea e cancello il tutto. Voglio condividere questo pensiero con voi: nel mio saltellare di sito in sito, decido di soffermarmi su di uno in particolare. Un famoso sito riporta che il giorno 18 settembre usciranno (o meglio, sono usciti) i seguenti album: Lana Del Rey - Honeymoon Keith Richards - Crosseyed Heart David Gilmour - Rattle that lock Subito dopo invece, riporta gli album in uscita previsti per il 25 settembre: Il Volo - L'amore si muove Negramaro - La rivoluzione sta arrivando Immanuel Casto - The pink album immanuel casto Sappiamo tutti che le due giornate non reggono il confronto.. Ma vogliamo parlare del “The Pink Album”?. Ebbene sì, non me ne vogliano i miei amati conterranei Negramaro, né tanto meno gli amanti di Keith e David (me compresa, d’altronde!).  E’ giunto il momento di parlare del re del mondo LGBT : Immanuel Casto. Come ha dichiarato in un’intervista alla giornalista Petangelo "Adesso sento che la mia poetica ha una sua dimensione più matura. Non voglio fare l'intellettuale, ma anche io nel mio piccolo ho la mia poetica e il mio universo valoriale". Giunto al suo quarto album, Immanuel Casto, nome d’arte di Manuel Cuni, decide di dare una svolta diversa alla sua carriera da cantante. Per avere un’anticipazione di ciò che sarà, mi concentro nell’ascolto del nuovo singolo, precursore dell’album: “Da grande sarai frocio”, pezzo scritto a quattro mani con Fabio Canino. Indipendentemente da quello che può sembrare dal titolo, il pezzo è tutt’altro che provocatorio; rivela invece delle parole sensibili e che, in qualche modo, portano a riflettere.

E ti chiedi perché Se ne accorgono tutti Tutti tranne te E imparerai che Per nascondere il dolore Basta un po’ di correttore

Ascolto più volte il pezzo e tengo in mente le parole. Non voglio andare oltre sull’album in quest’articolo. Mi fermo e rifletto. Ed invito i lettori a farlo. Penso solo a quanto questo testo sia la realtà per molti miei amici  e conoscenti, e a quando a volte, quel correttore lì, in fondo non è bastato.

Altri post assolutamente da leggere: