Il mondo della moda saluta Elio Fiorucci

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on PinterestShare on Google+Share on Tumblr
A cura di Ester Adami. Milano, 20 luglio 2015- è morto Elio Fiorucci. Lo stilista è stato trovato senza vita nella sua casa in viale Vittorio Veneto, a Milano. Aveva da poco compiuto 80 anni. Se ne va così uno dei riformatori della moda italiana e internazionale. Elio-Fiorucci Fiorucci nasce a Milano nel 1935. Sin dagli anni della sua giovinezza comincia ad occuparsi di moda, seguendo le impronte del padre, proprietario di un negozio di pantofole. Nel 1967 apre il suo primo negozio in Galleria Passerella a Milano e già negli anni ’70 inizia a produrre abiti per il tempo libero, in particolare jeans, con il marchio Fiorucci. I prodotti vengono distribuiti anche all’estero: prima in Europa, poi in GiapponeStati Uniti e Sud America. Nascono così i primi punti vendita Fiorucci a Londra e New York per poi espandersi in molte città in giro per il mondo. I suoi abiti divengono immediatamente un fatto di costume, attirando l’attenzione del jet set internazionale e personaggi del calibro di Bianca Jagger, Andy Wharol e Grace Jones ne diventano dei grandi estimatoriNel 1976 nasce il Fiorucci Store di New York – 59esima Strada – disegnato da Ettore Sottsass, Andrea Branzi e Franco Marabelli, che diventa subito un luogo cult dove si incontrano i maggiori esponenti delle comunità intellettuali newyorchesi. Andy Warhol sceglie la vetrina del negozio per il lancio del suo rivoluzionario giornale “Interview”. Nel 1981 Nasce la collezione di T-shirt e felpe illustrata con immagini di Walt Disney, un successo enorme che porta Fiorucci nel libro d’oro della grande multinazionale, che riconosce al marchio l’aver allargato il mito di Topolino anche agli adulti. Dopo la fase di grande diffusione, durata circa tre decenni, nel 1990 Fiorucci cede l’attività alla società giapponese Edwin International, azienda leader del jeans Made in Japan, che mantiene a Milano il solo centro di design del gruppo. Nel 2003 nasce il progetto Love Therapy, che comprende in modo particolare felpe, jeans, abiti e accessori che offromo divertimento e allegria. Elio Fiorucci adotta per questo nuovo marchio due nanetti. img1024-700_dettaglio2_Elio-Fiorucci Nel 2007 viene inaugurata alla Triennale la mostra “Anni settanta, il decennio lungo del secolo breve “, e viene dedicato uno spazio a Elio Fiorucci, “Fiorucci Land”, come simbolo della rivoluzione del costume degli anni ’70. Sarà difficile dimenticarsi di questo artista vivace e poliedrico, che è riuscito a percepire cambiamenti ed evoluzioni artistiche nate negli anni ’70 nel mondo della moda, diventando il precursore di tante tendenze che hanno influenzato il costume e lo stile di vita italiano e internazionale.

Altri post assolutamente da leggere: