I Doodle di Google festeggiano 17 anni

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on PinterestShare on Google+Share on Tumblr

Quante volte vi sarà capitato di arrivare la mattina in ufficio, con l’umore nero e la voglia di scambiare parole pari a zero, accendere il pc e al posto della solita home di Google, trovare lettere, enigmi e disegni danzanti che strappano un piccolo sorriso.

I popolarissimi Doodle di Google festeggiano in questi giorni 17 anni dalla loro nascita. “Cambiamenti spontanei del logo di Google che celebrano vacanze, anniversari e la vita di artisti famosi, pionieri e scienziati che hanno contribuito a cambiare la storia” questa è la definizione che l’azienda di Mountain View da delle sue piccole animazioni. Per noi però sono semplicemente un simpatico passatempo che spesso insegna anche qualcosa.

doodleunnamed

google-doodle-corsa-ostacoli-olimpiadi-londra-2012

Il tema dei Doodle infatti può essere qualsiasi cosa. Hanno celebrato famosi artisti come Michelangelo e Picasso, ma anche cartoni animati come “I Flintstones”, super-star del calibro di Freddie Mercury e invenzioni che hanno cambiato la storia. Ogni nuovo Doodle però è soprattutto una sorpresa: si passa infatti da colorate e statiche immagini, a giochi interattivi (come quello dedicato a Pac-Man) fino a ingegnosi rompicapo (come quello dedicato allo scultore Constantin Brâncuși) per arrivare a semplici rivisitazioni del logo della Grande G. “L’idea è che gli utenti aprano il browser per guardare le previsioni del tempo e, vedendo il doodle, magari si predano un minuto per scoprire qualcosa di più su un argomento o su una persona”, dice Ryam Germick, Mr Doodle.

wpid-article-1315209146770-0db7dead00000578-576105_636x358unnamed

 

doodle-festa-della-mamma-2013-1

Il primo doodle, del 30 agosto 1998, non aveva richiami culturali, era infatti un uomo stilizzato che sostituiva la seconda “o” della parola Google. Creato dai fondatori Sergey Brin e Larry Page, era equivaleva al cartello “Torno subito”: avvisava gli utenti che, se i server dell’appena nato motore di ricerca, si fossero bloccati, i due fondatori non c’erano. Perchè? Si trovavano al festival musicale “Burining Man”, durante il quale viene bruciato un fantoccio di legno, richiamato nella prima variazione del logo della Grande G.

 

Google_winter_solstice_doodle_650

 

Altri post assolutamente da leggere: